Stomaco Salute > ricerche > Studio di fase I chemioradioterapia neoadiuvante con S-1 più cisplatino bisettimanale per i pazienti affetti da cancro gastrico avanzato con metastasi linfonodali: -KOGC04-

Studio di fase I chemioradioterapia neoadiuvante con S-1 più cisplatino bisettimanale per i pazienti affetti da cancro gastrico avanzato con metastasi linfonodali: -KOGC04-

Studio di fase I chemioradioterapia neoadiuvante con S-1 più cisplatino bisettimanale per i pazienti affetti da cancro gastrico avanzato con metastasi linfonodali: -KOGC04-
Abstract
sfondo
in pazienti con cancro gastrico altamente avanzato, il tasso di recidiva rimane alto e la prognosi deludente. Abbiamo precedentemente riportato un studio di fase I di un chemioradioterapia neoadiuvante di S-1 più cisplatino settimanale. Sebbene adeguata sicurezza ed efficacia sono stati segnalati, mielosoppressione è stata frequentemente osservata, che porta a ritardo di trattamento in diversi casi. Per diminuire la tossicità e migliorare l'efficacia, abbiamo programmato una studio di fase I con un regime di chemioterapia con cisplatino modificato bisettimanale.
Metodi
pazienti con carcinoma gastrico avanzato e metastasi linfonodali che sono stati trattati dal nostro istituto tra il 2011 e il 2012 erano ammissibili per l'inclusione. Il programma chemioradioterapia iniziale consisteva in 6 settimane di S-1 somministrati per via orale nei giorni 1-15 con una dose crescente di cisplatino somministrato nei giorni 1 e 15. La dose iniziale (livello 1) di cisplatino era 15 mg /m 2 , la seconda dose (livello 2) era di 20 mg /m 2, e la terza dose (livello 3) era di 25 mg /m 2. Radiazione di 40 Gy è stato somministrato in 20 frazioni. Dopo chemioradioterapia iniziale, un ciclo di chemioterapia di combinazione con S-1 più cisplatino è stato consegnato. Il secondo ciclo è stato 42 giorni di durata e comprendeva S-1 somministrato nei giorni 1-29 più cisplatino bisettimanale somministrato nei giorni 1, 15 e 29. Dopo il trattamento neoadiuvante, una gastrectomia curativa con estesa (D2) dissezione linfonodale è stato pianificato.
Risultati
Nove pazienti sono stati arruolati. Al livello 3, un paziente ha avuto dose-limitante di grado 3 diarrea. Un altro paziente ha sperimentato grado 3 nausea e lo scopo di interrompere il trattamento. Nel complesso, a causa 2 di 3 pazienti con esperienza dose-limitante tossicità a livello 3, abbiamo confermato il livello 3 (Cisplatino 25 mg /m 2) come la dose massima tollerata e il livello 2 (cisplatino 20 mg /m 2) la dose consigliata (RD). Il tasso di risposta è stato del 78%, e 8 pazienti sono stati sottoposti a gastrectomia curativa. campioni resecati hanno mostrato una risposta istologica in 6 pazienti (75%), di cui uno con una risposta completa patologica
. Conclusioni
In questo studio di fase I, RD del cisplatino è stata identificata come 20 mg /m 2. Generalmente, S-1 più cisplatino bisettimanale possono essere somministrati con sicurezza con radiazioni concomitante. Abbiamo avviato uno studio multicentrico di fase II di prova per confermare ulteriormente l'efficacia e la sicurezza di questo approccio.
Registrazione di prova
UMIN000008941
Parole
cancro gastrico neoadiuvante chemioradioterapia S-1 Cisplatino Fase I sfondo
Chi un milione di nuovi casi di cancro allo stomaco si stima che si sono verificati (988.000 casi), il che rende attualmente il quarto tumore maligno più comune e la seconda causa di decessi per cancro in tutto il mondo (736000 morti, 9,7% del totale) [1]. Allo stato attuale, per il cancro gastrico avanzato resecabile, la resezione R0 con estesa (D2) dissezione linfonodale ha dimostrato di ridurre la mortalità cancro-specifica gastrico [2, 3]. Tuttavia, in contrasto con il fatto che i pazienti in una fase precoce mostrano una percentuale notevole 5 anni complessiva sopravvivenza & gt; 90% [4, 5], il locoregionale e tasso di recidiva a distanza è alta in stadi avanzati come Fase II e III (in base alla classificazione giapponese di carcinoma gastrico) [6-8]. Al fine di ottenere ulteriori miglioramenti nella prognosi del cancro avanzato dello stomaco, adiuvante chemioterapia o chemioradioterapia seguente curativa resezione cancro gastrico è di serie [9-13]. Tuttavia, nei tumori gastrici altamente avanzati che hanno tumori primari ingombranti o multiple metastasi linfonodali, il tasso di recidiva rimane alta e la prognosi deludente [2, 6]. Pertanto, non vi è un urgente bisogno di stabilire un trattamento multidisciplinare più intenso per questi pazienti.
Chemioradioterapia è riferito, un efficace trattamento locoregionale intensivo per cancro gastrico [11-14]. Come trattamento adiuvante, Lee et al. ha dimostrato che la chemioradioterapia ha portato a un prolungamento statisticamente significativo del post-operatorio sopravvivenza libera da malattia nei pazienti affetti da cancro gastrico con linfonodi patologici positivi nel processo artista [15]. Pertanto, la chemioradioterapia potrebbe essere prezioso per queste popolazioni.
Trattamento neoadiuvante per i pazienti affetti da cancro gastrico avanzato stato recentemente dimostrato di essere utile a causa di un rispetto maggiore di trattamento adiuvante [16-18]. Inoltre, Ajani et al. ha dimostrato che la chemioradioterapia neoadiuvante può prolungare la sopravvivenza postoperatoria [19]. Tuttavia, c'era un limite al loro studio come la chirurgia con estesa dissezione linfonodale non è stato eseguito dopo il trattamento. Pertanto, abbiamo programmato la chemioradioterapia neoadiuvante seguita da gastrectomia curativa con D2 dissezione linfonodale.
Precedentemente abbiamo condotto chemioradioterapia con S-1 più cisplatino quotidiana e radioterapia concomitante per cancro gastrico resecabile o metastatico nello studio di fase II e ha mostrato il suo beneficio clinico [ ,,,0],20]; Tuttavia, con questo schema di trattamento, tutti i pazienti dovevano essere ammesso durante il trattamento. Al fine di fornire questo trattamento in ambiente ambulatoriale, S-1 più settimanale cisplatino con radiazioni concomitante è stato definito come il protocollo di trattamento nel nostro precedente studio KOGC01. Sebbene adeguata sicurezza ed efficacia sono stati segnalati, mielosoppressione è stata frequentemente osservata, che porta a ritardo di trattamento in molti casi [21].
In questo studio KOGC04, il programma di trattamento di cisplatino è stato cambiato da settimanale a bisettimanale perché abbiamo precedentemente dimostrato il mantenimento della l'efficacia e la sicurezza del cisplatino bisettimanale [22]. Non c'era alcun cambiamento nel programma della radiazione e la sua dose totale era lo stesso di quello nella KOGC01. Lo scopo del presente studio di fase I è stato quello di definire la dose massima tollerata (MTD) e tossicità dose-limitante (DLT), così come la dose consigliata (RD) per chemioradioterapia neoadiuvante con S-1 più cisplatino bisettimanale.
Metodi
design studio
Questo studio non comparativo, dose crescente è stato condotto presso la Keio University Hospital, in Giappone, con l'approvazione del Comitato Etico della Keio University School of Medicine. Tutti i pazienti eleggibili, purché il loro consenso informato scritto alla partecipazione. I tumori sono stati classificati secondo la classificazione giapponese di gastrico Carcinoma, 3a edizione inglese (JCGC) [8]. eventi avversi clinici sono stati valutati in base a criteri comuni Terminologia di eventi avversi (ver. 4.0). Per valutare la risposta al trattamento, i criteri di valutazione della risposta nei tumori solidi è stato utilizzato (RECIST) versione 1.1.
Ammissibilità
Tutti i pazienti con diagnosi di carcinoma gastrico avanzato presso il nostro istituto erano eleggibili per l'arruolamento in questo studio di fase I. criteri di iscrizione sono stati i seguenti: (1) diagnosi istologica di adenocarcinoma dello stomaco; (2) clinicamente misurabile metastasi linfonodali secondo il RECIST (versione 1.1.) Criteri; (3) T3 o T4 tumore profondità; (4) né lontana né peritoneale metastasi identificato da addominale tomografia computerizzata (CT); (5) invasione esofageo & lt; 3 cm; (6) di età compresa tra i 20 e 75 anni; (7) Stato Eastern Cooperative Oncology Group (ECOG) Performance di 0 o 1; (8) senza storia passata di chemioterapia o chemioradioterapia; (9) nessun trattamento passato di cancro gastrico; e (10) un'adeguata funzione d'organo (definito dal numero di globuli bianchi tra il 3000 e 12.000 cellule /mm 3, conta dei neutrofili & gt; 1.500 /mm 3, conta piastrinica & gt; 100.000 /mm 3, bilirubina totale & lt; 1,5 mg /dl, aspartato siero e alanina transaminasi non superiore a 2 volte il limite superiore normale, e la clearance della creatinina & gt;. 60 ml /min)
chemioradioterapia
il protocollo chemioradioterapia consisteva di somministrazione di S cisplatino -1 più bisettimanale e la radiazione (Figura 1). Il programma chemioradioterapia iniziale era per 6 settimane: S-1 è stato somministrato per via orale ogni giorno nei giorni 1-15, e la dose totale è stata basata sulla superficie corporea del paziente (BSA), come segue: & lt; 1,25 m 2 , 80 mg; 1,25-1,5 m 2, 100 mg; e & gt; 1,5 m 2, 120 mg. Una dose crescente di cisplatino è stato somministrato per infusione per 1 h nei giorni 1 e 15, senza idratazione infusionale. La dose iniziale (livello 1) di cisplatino era di 15 mg /m 2, la seconda dose (livello 2) era di 20 mg /m 2, e la terza dose (livello 3) era di 25 mg /m < sup> 2. Figura 1 chemioradioterapia consisteva di chemioterapia di combinazione con S-1, cisplatino bisettimanale, e radioterapia frazionata.
La radioterapia è stata effettuata con i fotoni da un acceleratore lineare con un'energia ≥ 6MV, ed è stata effettuata tre progettazione tridimensionale. Dose vincoli sono stati i seguenti: entrambi i reni V30 ≤ 20 Gy, V30 fegato ≤ 30 Gy, cuore V40 ≤ 30 Gy, entrambi i polmoni V20 ≤ 20 Gy, midollo spinale massima dose di & lt; 45 Gy. Clinical volume bersaglio (CTV) incluso il tumore primario con un margine di 3 cm e linfonodi metastatici con un margine di 1 cm. Tutto le stazioni nodo perigastrici e linfatici celiaca stomaco e sono stati delineati come parte del CTV. Il volume target di pianificazione (PTV) conteneva il CTV con un margine di 2 cm per tenere conto di configurazione e movimento organo. Per ridurre al minimo la variazione interfraction, irradiazione è stata effettuata di prima mattina a stomaco vuoto. Una dose totale di 40 Gy è stato consegnato a 2.0-Gy frazioni a una velocità di 5 frazioni a settimana. La dose è stata prescritta a un punto di riferimento all'interno del PTV secondo la Commissione Internazionale sulle radiazioni unità e misure 50 e 62.
Dopo chemioradioterapia iniziale, un ciclo di chemioterapia di combinazione con S-1 più cisplatino bisettimanale è stato consegnato. Questa consisteva di 42 giorni di S-1 somministrati dal giorno 1 al 28 e di cisplatino somministrato nei giorni 1, 15, e 29.
Al fine di mantenere la funzione renale adeguata, tutti i pazienti sono stati raccomandati gestione dei fluidi orale senza idratazione infusionale durante questo trattamento uguale a quello nella nostra precedente relazione [20, 22]. Per quanto riguarda i farmaci antiemetici, abbiamo abitualmente utilizzati 5-HT3 antagonisti e desametasone prima di ogni infusione di cisplatino. Perché cisplatino è stato consegnato in frazioni, aprepitant era facoltativo per ciascun caso.
DLT e il metodo di escalation della dose
pazienti che hanno avuto alcuna tossicità di grado 4 chiara correlata al trattamento ematologici, neutropenia febbrile di grado superiore a 3, o di grado 3/4 nonhematological tossicità sono stati considerati di aver vissuto DLT. Altri eventi DLT incluso un ritardo nell'inizio del 2 ° ciclo di chemioterapia di più di 10 giorni la durata, un ritardo di più di 10 giorni per ogni infusione di cisplatino, mancato completamento di radiazione entro 42 giorni, e la chirurgia non effettuato entro 42 giorni dopo il completamento del 2 ° ciclo di chemioterapia.
Tre pazienti sono stati arruolati in ciascun livello di dose. Se non DLT è stato sperimentato durante la chemioradioterapia, altri 3 pazienti sono stati inclusi nel prossimo livello di dose. Se 1 paziente entro i primi 3 pazienti reclutati ad un livello di esperienza DLT, altri 3 pazienti sono stati trattati con la stessa dose. Se più di 2 su 6 pazienti hanno DLT ad una dose, poi la dose è stata definita come MTD. Inoltre, se 2 o 3 delle prime 3 pazienti reclutati ad un livello sperimentato DLT, la dose è stata definita come la MTD. Pertanto, RD è stato fissato a un livello inferiore rispetto MTD.
Clinical valutazione
Tra giorni 29 e 42 del 2 ° ciclo di chemioterapia, una endoscopia gastrointestinale superiore e TAC addominale sono state eseguite per la valutazione clinica sulla base di criteri RECIST. La risposta al trattamento neoadiuvante, resecabilità, e il potenziale di curabilità chirurgico sono state valutate utilizzando queste valutazioni.
Chirurgia
pazienti valutati come essere in grado di raggiungere la resezione curabile erano eleggibili per la chirurgia. L'intervento è stato programmato entro 6 settimane dopo il completamento del 2 ° ciclo. Gastrectomia con D2 dissezione linfonodale è stata eseguita dopo che abbiamo confermato che non vi era alcuna metastasi peritoneali, citologia lavanda positivo, o l'invasione degli organi adiacenti. Tutti i campioni resecati, compresi i linfonodi, sono stati esaminati per valutare la risposta patologica al trattamento preoperatorio secondo il JGCA.
Risultati
Le caratteristiche dei pazienti
tra il 2011 e il 2012, 9 pazienti che sono stati diagnosticati con cancro gastrico avanzato con metastasi linfonodali sono stati arruolati nello studio. Caratteristiche dei 9 pazienti sono presentati nella tabella 1. La loro età media era di 62 anni, e tutti erano di sesso maschile, con un performance status ECOG pari a 0. Per quanto riguarda la profondità di invasione del tumore primario, in 6 pazienti, invasione sottosierosa (T3) è stato osservato. C'è stato anche un caso con l'invasione del pancreas, e un bypass gastrodigiunostomia è stata eseguita prima iscrizione. Otto di 9 pazienti sono stati diagnosticati con N2 metastasi linfonodali, e nessuno aveva sospettato metastasi a distanza. Così, in termini di pretrattamento messa in scena, 4 dei 9 pazienti sono stati diagnosticati come Stage IIIA e 5 come stadio IIIB.Table 1 paziente e del tumore caratteristiche
n = 9
No. di
pazienti
età media (range)
62 (52-77)
stato Sesso maschio /femmina
9/0
prestazioni ECOG 0/1 9/0

Località U /M /L
3/2/4
macroscopica Tipo 1/2/3/4 0/2/6/1

T 3 (SS) /4a ( SE) /4b (SI)
6/2/1
N 1/2/3
1/8/0
M 0/1 9/0

stage IIIA /IIIB /IIIC
4/5/0
U: Upper terzo di stomaco; M: Coppia terzo di stomaco; L: Bassa terzo di stomaco; macroscopica Tipo 1: tumore Polipoide; Tipo 2: tumore ulcerato con margini nettamente delimitate e sollevate; Tipo 3: tumore ulcerata con infiltrazione; Tipo 4: tumore diffusamente infiltrato; SS: tumore ha invaso il sottosierosa; SE: Tumore è penetrata la sierosa; SI: tumore ha invaso le strutture adiacenti
MTD e RD
ematologica e tossicità nonhematological sono riportati nella tabella 2. Non tossicità ematologiche erano maggiori di grado 4, che è stato definito come DLT.. Per quanto riguarda la tossicità nonhematological, un paziente ha avuto dose-limitante di grado 3 diarrea. Inoltre, poiché l'assunzione orale di un paziente era notevolmente diminuita e il paziente è stato ammesso in ospedale, abbiamo valutato come grado 3 anoressia. Nessuna significativa perdita di peso è stata riportata in questo caso. Aveva intenzione di interrompere il trattamento durante il 1 ° corso. Complessivamente, 2 di 3 pazienti hanno DLT al livello 3 (Tabella 3); di conseguenza, il livello 3 (Cisplatino 25 mg /m 2) è stato impostato come MTD e il livello 2 (cisplatino 20 mg /m 2) come RD.Table 2 eventi avversi
Grado
1 2
3 4
3/4
ematologica
leucocitopenia
Livello 1 (n = 3)
1 0 0

0 0

2 (n = 3)
1 0
1 0
1 3 (n = 3 )
1 0 0

0 0

neutropenia
1 0 0

0 0

0
2
0 0

1 0
1 3
1 0 0

0 0

anemia
1 0 0

0 0

0 2
0 0

1 0
1
3
0 0

0 0

0
trombocitopenia
1 1 0

1 0
1 2
2
0 0

0
0 3
0 2
0 0

0
Nonhematological
Nausea
1 0
1 0 0

0 2
0 0

0
0 0

3
1 0
1 *
0
1 diarrea
1 0 0

0
0
0 2
0 0

0 0

0 3
0 0

1 *
0
1 AST /ALT elevazione
1
1 0 0

0
0 2
2
0
0 0

0
3
1 0 0

0 0

bilirubina elevazione
1 1
1
0 0

0 2
0
1 0 0

0 3
1
0 0

0 0

creatinina elevazione
1
1 0 0

0
0 2
0
0 0

0 0

3
1 0 0

0 0

*: tossicità dose-limitante, AST: aspartato aminotransferasi, ALT:. alanina aminotransferasi
Tabella 3 dose-limitante tossicità
n = 9
Livello 1
Livello 2 **
Livello 3 *
tossicità ematologica
0 0

0
tossicità Nonhematological
0
0 2
ritardare il trattamento
0
0 0

*: massima dose tollerata, **:. Dose consigliata
efficacia clinica
esiti dei pazienti sono riportati in Tabella 4. in generale, 7 di 9 pazienti hanno raggiunto una risposta clinica parziale (PR ), risultando in un tasso di risposta del 78%. Dopo la terapia neoadiuvante, 8 di 9 pazienti sono stati sottoposti a gastrectomia con D2 nodo dissezione (esteso) linfa. Un paziente che ha vissuto DLT lo scopo di interrompere il trattamento durante il 1 ° corso. Il tempo di funzionamento mediana è stata di 249 minuti, e la perdita di sangue mediana è stata di 625 ml. Per quanto riguarda le complicanze postoperatorie, un paziente ha incontrato perdite ceppo a causa di una fistola pancreatica, e un altro paziente ha sviluppato ascite chilosa. Entrambi sono stati trattati con drenaggio da solo, e non ci sono stati decessi correlati al trattamento. esame patologico dei campioni resecati ha mostrato che l'efficacia terapeutica è stata istologicamente classificato come di grado 1 bis in due pazienti, di grado 1b in un paziente, di grado 2 in 4 pazienti, e di grado 3 in un paziente. Sei di 8 (75%) pazienti che hanno subito un intervento chirurgico hanno mostrato una risposta istologica alla chemioradioterapia, compreso un paziente con un patologici completa response.Table 4 risultati pazienti
n = 9
No. di
pazienti
risposta clinica
PD /SD /PR /CR (tasso di risposta)
0/2/7/0 (78%)
Livello 1
0/1 /2/0
Livello 2
0/0/3/0
Livello 3
0/1/2/0
Chirurgia
distale /totale
4/4
D1 /D2
0/8
R0 /R1 /R2
8/0/0
tempo di funzionamento (min)
249 (195-288)
perdita di sangue ( ml)
578 (110-1700)
postoperatorio complicazione
Stump perdite
1 pancreas fistola
1 ascite chilosa
1 effetto terapeutico istologica
Grade 1a /1b /2/3
2/1/4/1
PD: malattia progressiva; SD: malattia stabile; PR: risposta parziale; CR: risposta completa; Distale: gastrectomia distale; Totale: gastrectomia totale; D1: linfoadenectomia limitata; D2: linfoadenectomia estesa; R0: Nessun tumore residuo; R1: microscopico tumore residuo; R2:. Macroscopica tumore residuo
Discussione
trattamento multidisciplinare intensivo è attualmente richiesto per il cancro gastrico altamente avanzata, e chemioradioterapia è un'opzione potente. Nello studio ARTISTA, che ha confrontato la chemioradioterapia adiuvante e chemioterapia da sola, una significativa riduzione delle recidive post-operatoria è stata riportata in pazienti che avevano istologicamente provata linfonodi metastatici [15]. Così, in questo studio, l'efficacia è stata ottenuta tra i pazienti con forte sospetto metastasi linfonodali preoperatoria.
Contrariamente al fatto che capecitabina è stato combinato con cisplatino nello studio ARTIST, l'S-1 è stato inserito nel nostro trattamento. Lo schema di trattamento S-1 più cisplatino è uno degli standard attuali di cura in Giappone per i pazienti con cancro gastrico inoperabile o ricorrente [23]. Utilizzando la chemioradioterapia tra cui S-1, abbiamo precedentemente completato uno studio di fase II in pazienti con cancro gastrico operabile o metastatico e ha mostrato la tollerabilità e l'efficacia di questo programma di trattamento [20]. Nello studio ARTIST, la dose totale cisplatino è stata di 60 mg /m 2. In questo studio di fase I, anche se cisplatino è stata frazionata consegnato, la sua dose totale era lo stesso che nello studio ARTIST.
In, trattamenti intensivi generali quali la chemioradioterapia si ritiene per indebolire la condizione generale dei pazienti e di aumentare le complicanze postoperatorie. Infatti, nel nostro precedente KOGC01 studio, molti pazienti potrebbero non seguire il protocollo di trattamento a causa di tossicità ematologiche. In questo studio, abbiamo cambiato il programma di chemioterapia per infusione cisplatino da settimanale a bisettimanale regime, che è stato condotto per i pazienti affetti da cancro resecabile gastrica ed è risultato essere sicuri [22]. Di conseguenza, l'incidenza di grado 3 o 4 di tossicità ematologica è diminuita dal 40% al 22%, e 8 su 9 partecipanti potrebbe completare il regime chemioradioterapia neoadiuvante. Le principali tossicità incontrate nel presente studio sono stati tossicità nonhematological, tra cui nausea e diarrea, e questi potrebbero essere gestiti ed erano tollerabili. Anche se due pazienti hanno avuto complicanze post-operatorie, compresi ascite chilosa e una fistola pancreatica seguita da perdite moncone duodenale, sono stati trattati in modo conservativo, il che dimostra che il nostro regime è tollerabile. Nel complesso, il livello 3 (Cisplatino 25 mg /m 2) è stato impostato come MTD e il livello 2 (cisplatino 20 mg /m 2) come RD.
Abbiamo già confermato una risposta marcata a chemioradioterapia e una migliore la prognosi tra i pazienti con cancro gastrico resecabile o metastatico [20]. Perché gastrectomia curativa per il cancro gastrico altamente avanzata è invasiva, ottenendo la riduzione del tumore prima dell'intervento chirurgico in grado di ridurre i rischi perioperatorie. Così, il nostro protocollo, che aveva un alto tasso di risposta, è favorevole come trattamento neoadiuvante. Anche se la nostra capacità di valutare l'efficacia è stata limitata in questo trial di fase I, abbiamo raggiunto un tasso di risposta istologica del 75%, tra cui un caso con una risposta completa patologica. Pertanto, l'efficacia del trattamento esatto è stato mantenuto dopo il cambio di programma cisplatino da settimanale a bisettimanale per ridurre la tossicità.
Come riportato in precedenza, la chemioradioterapia è stato efficace soprattutto per il cancro gastrico localmente avanzato [4, 5, 15-21]. In particolare, la chemioterapia neoadiuvante è considerato avere diversi vantaggi clinici, come una riduzione della vitalità di micrometastasi, un aumento del tasso di curabilità, un miglioramento nella compliance al trattamento, e un miglioramento nella valutazione delle chemiosensibilità. Inoltre, l'aggiunta di radiazioni potrebbe migliorare il controllo locale. Pertanto, riteniamo che ci sono stati diversi benefici clinici di CRT neoadiuvante in pazienti con carcinoma gastrico avanzato, in particolare nei casi con tumore primario ingombranti o multiple metastasi linfonodali e quei pazienti sono preferiti i partecipanti. Al contrario, i pazienti con scirrhous-tipo di cancro gastrico, che tende a diffondere al peritoneo, non può trovare la chemioradioterapia vantaggioso.
Ciò nonostante il progresso della tecnologia recente, radioterapia per il cancro gastrico è ancora impegnativo. Precise bersaglio e delineazione organo e dose volumetrica di calcolo evolve con radioterapia conformazionale tridimensionale. Tuttavia, le incertezze derivanti dalle variazioni nel riempimento dello stomaco e movimento respiratorio rimangono ancora [24]. Per risolvere questi problemi, in questo studio, i margini adeguati erano preparati e irradiazione è stata effettuata a stomaco vuoto. I margini devono essere modificati per mantenere vincolo di dose per l'organo a rischio. Di conseguenza, non abbiamo trovato alcuna linfonodo ingrossato, che interferiva con gastrectomia estesa dissezione linfonodale durante il funzionamento. In particolare, complicazioni chirurgiche considerate possibilmente indotta da influenza delle radiazioni non è stato aumentato. Ulteriori tecnica di trattamento avanzate come la radioterapia ad intensità modulata e /o radioterapia guidata dalle immagini può consentire più eccellente copertura obiettivo e la struttura normale risparmio, e ha portato a risultati di trattamento superiori [25].
Conclusioni
in questa fase io studio, RD del cisplatino è stato stabilito come 20 mg /m 2, e l'efficacia e la sicurezza di S-1 più cisplatino con radiazioni concomitante è stata confermata per i pazienti con carcinoma gastrico avanzato e metastasi linfonodali. 'presentate originale file per le immagini
Di seguito sono riportati i link agli autori' Al fine di fornire ulteriore conferma della efficacia e la sicurezza di questo approccio, abbiamo avviato uno studio multicentrico studio di fase II.
Dichiarazioni
Autori originale presentato file per le immagini. 13014_2013_1012_MOESM1_ESM.jpeg Autori file originale per la Figura 1 in competizione interessi
Gli autori dichiarano di non avere interessi in competizione
autori. «Contributi
SM e JF contribuito all'analisi dei dati e redatto il manoscritto; TT ha fornito una revisione critica del manoscritto; KF è stato responsabile per la gestione unificata dei dati dei pazienti; TT e HK condotto gastrectomia con estesa dissezione linfonodale in questo studio; OK e NS gestito il protocollo di radioterapia; YS, HT e YK erano responsabili per la concezione dello studio e ha fornito l'approvazione finale della versione per la pubblicazione. E tutti gli autori hanno letto e approvato il manoscritto finale.

Other Languages