Stomaco Salute > ricerche > effetti prognostico dei livelli di 25-idrossivitamina D in cancer

effetti prognostico dei livelli di 25-idrossivitamina D in cancer

gastrica effetti prognostico dei livelli di 25-idrossivitamina D nel cancro gastrico
Abstract
sfondo
I risultati di grandi studi epidemiologici sulla associazione tra la vitamina D e il cancro gastrico sono controverse. La vitamina D favorisce in modo significativo l'apoptosi nelle cellule cancro gastrico indifferenziata, ma gli effetti prognostici dei suoi livelli sono sconosciuti.
Metodi
197 pazienti con carcinoma gastrico che hanno ricevuto il trattamento nel centro del cancro di Sun Yat-sen University dal gennaio 2002 al gennaio 2006 sono stati coinvolti nello studio. Il sangue conservato disegnato prima di qualsiasi trattamento è stato analizzato per i livelli di 25-idrossivitamina D. I dati clinico-patologici sono stati raccolti per esaminare gli effetti prognostici di vitamina D.
Risultati
la media i livelli di vitamina D dei pazienti gastrici 197 era 49.85 ± 23.68 nmol /L, tra i quali 114 (57,9%) erano carenti di vitamina D (& lt; 50 nmol /L), 67 (34%) erano insufficienti (50-75 nmol /L) e 16 (8,1%) sono stati sufficienti (& gt; 75 nmol /L). stadio clinico (P
= 0.004) e la classificazione metastasi linfonodali (P
= 0.009) erano inversamente associati con livelli di vitamina D. I pazienti con alta di vitamina gruppo livelli D (≥ 50 nmol /L) avevano una sopravvivenza globale più alto rispetto al gruppo di livelli bassi di vitamina D (& lt; 50 nmol /L) (P = 0,018
). L'analisi multivariata ha indicato che i livelli di vitamina D sono stati un fattore prognostico indipendente di cancro gastrico (P = 0,019
).
Conclusioni
carenza di vitamina D può essere associata a prognosi sfavorevole nel carcinoma gastrico.
parole chiave
vitamina D cancro gastrico Prognosi Elisa Sfondo
cancro gastrico è la quarta più comune di cancro e la seconda causa di decessi correlati al cancro seguenti carcinoma del polmone nonostante un calo in tutto il mondo sia in incidenza e la mortalità dal momento che la seconda metà del ventesimo secolo [ ,,,0],1]. Anche se nella maggior parte dei paesi occidentali l'incidenza compreso tra i 10 ei 15 nuovi casi ogni 100.000 abitanti per anno, la Cina, il Giappone e la Corea ora hanno fino a 80 nuovi casi ogni 100.000 abitanti per anno [2].
La vitamina D è un ormone secosteroid fondamentale per la salute dello scheletro e altri percorsi biologici [3]. La vitamina D 3 è la forma naturale di vitamina D prodotta nella pelle attraverso irradiazione ultravioletta del 7-deidrocolesterolo. È biologicamente inerte e deve essere metabolizzata a 25-idrossivitamina D 3 nel fegato e quindi di 1,25-diidrossivitamina D 3 (VD3) nel rene prima funzionante [4]. Studi precedenti hanno mostrato che 1,25-diidrossivitamina D 3, la forma fisiologicamente attiva della vitamina D, potrebbe indurre la differenziazione e l'arresto del ciclo cellulare in un certo numero di cellule maligne, compresi quelli nella leucemia mieloide, e della mammella, della prostata, del colon, la pelle e il cervello cancro [5]. VD3 può essere antiproliferativa nelle cellule della pelle, del colon, della mammella e della prostata, tra gli altri, e può anche limitare le sollecitazioni proinfiammatorie [6]. Elementi funzionali recettore della vitamina D (VDR) sono stati identificati nel promotore di PTEN, suggerendo che la vitamina D può avere un ruolo nella regolazione dell'espressione PTEN [7]. Inoltre, era stato dimostrato che VD3 promosso in modo significativo l'apoptosi nella linea gastrica cellule di cancro indifferenziato HGC-27, che è stato accompagnato da un contemporaneo aumento della fosfatasi e tensina omologo delezione sul cromosoma 10 (PTEN) espressione con il trattamento VD3 [8].
Siero livello di 25-idrossivitamina D è il migliore indicatore di stato complessivo di vitamina D perché riflette totale di vitamina D da esposizione alla luce solare, assunzione con la dieta, e la conversione dai depositi adiposi nel fegato [9-11]. carenza di vitamina D
è da tempo riconosciuta come una condizione medica caratterizzata da debolezza muscolare, ostealgia e fratture da fragilità. Insufficienza di vitamina D senza sintomi clinici evidenti è recentemente diventata una preoccupazione di medici e pazienti [4]. Generalmente, la carenza di vitamina D si riferisce ad un livello sierico di 25-idrossivitamina D inferiore a 50 nmol /L, e insufficienza di vitamina D 50 a 75 nmol /L. Un certo numero di studi sono stati fatti per dimostrare se la vitamina D ha la funzione di prevenzione di vari tipi di tumori. I risultati sono stati discutibili, e le associazioni consistenti sono state dimostrate solo nel cancro del colon-retto [12, 13]. La coorte Consorzio vitamina D Pooling Progetto di tumori più rari hanno suggerito che circolano 25 (OH) la concentrazione D non era significativamente associato con tomaia rischio di cancro gastrointestinale, ma l'analisi su sottogruppi gara in questo studio ha dimostrato che tra gli asiatici, minori concentrazioni di 25 (OH) D erano associati ad un aumento statisticamente significativo diminuzione del rischio di cancro del tratto gastrointestinale superiore [14]. Uno studio prospettico costruito un indice da fattori che predicono più elevato lo stato della vitamina D erano statisticamente significativamente associato ad un minor rischio di cancro esofageo e non statisticamente significativo, con un minor rischio di cancro allo stomaco [15]. Un altro studio ha trovato che livelli sierici di 25 (OH) D concentrazioni più elevate sono stati associati con un aumentato rischio di carcinoma a cellule squamose dell'esofago (ESCC) negli uomini, ma non cardias o adenocarcinoma noncardia [16]. Studi caso-controllo di cancro gastrointestinale superiore esaminare la dieta e /o supplementi di vitamina D hanno riferito che una maggiore assunzione di vitamina D è associata a un minor rischio di ESCC [17], un aumento del rischio di cancro gastrico [18], o ha avuto alcuna associazione con cancro gastrico [19]. Tuttavia, tre studi che hanno usato diversi metodi ---- più disponibile radiazione solare in latitudini più basse [20], una maggiore assunzione di vitamina D [17], e un più elevato indice di esposizione di vitamina D [21] ---- per stimare l'esposizione di vitamina D all'unanimità hanno mostrato livelli superiori di vitamina D sono stati associati con un minor rischio di cancro esofageo o gastrico.
anche se la relazione tra vitamina D e rischio di cancro gastrico è stato indeterminato e una possibile relazione è stato suggerito in molte indagini ma non e 'stato identificato se vi è una correlazione definitiva tra lo stato della vitamina D e le caratteristiche clinico-patologiche di pazienti affetti da cancro gastrico. Nel frattempo, se lo status di vitamina D può predire la prognosi dei pazienti necessita di ulteriori analyis.
Pertanto, una ricerca retrospettiva del rapporto tra sierici di 25-idrossivitamina D e le caratteristiche clinico-patologici di pazienti con cancro gastrico è stata eseguita. Inoltre, abbiamo studiato il significato prognostico di siero 25-idrossivitamina D in serie di pazienti affetti da cancro gastrico.
Metodi
studio di popolazione
197 pazienti con carcinoma gastrico che erano stati diagnosticati con patologia e ricevuto un trattamento nel centro di cancro Sun Yat-sen University dal gennaio 2002 al gennaio 2006 sono state retrospettivamente analizzati in questo studio. Il sangue da loro è stato raccolto dopo la diagnosi e prima di qualsiasi tipo di trattamento. I soggetti che hanno avuto la storia di cancro prima, tutti i giorni la supplementazione di vitamina D o di malattie che potrebbero influenzare livelli sierici di 25-idrossivitamina D sono stati esclusi dallo studio, tra cui l'ipertiroidismo, malassorbimento, rachitismo, l'osteomalacia, ipercortisolismo, una malattia epatica grave (definita come la funzione del fegato classificazione Pugh ai bambini B o C), insufficienza renale (definita come creatinina sierica più di 177 umol /L), e l'alcolismo. Sieri sono stati separati dai campioni di sangue venoso per centrifugazione, poi aliquotati e conservati a -80 ° C fino al momento dell'uso recente. variabili clinico-patologiche e date sopravvivenza globale sono state acquisite dalle cartelle cliniche. fase di cancro era classificato secondo al 7 edizioni dei sistemi di stadiazione TNM UICC. il consenso informato scritto da tutti i soggetti e l'approvazione da parte dell'Istituto di ricerca Comitato Etico indipendente al Cancer Center di Sun Yat-sen University sono stati ottenuti.
Laboratorio analisi
concentrazioni sieriche di 25-idrossivitamina D sono stati ottenuti con il 25-idrossi vitamina D elisa test (UK Immunodiagnostic Sistemi Linited). Per la valutazione della affidabilità del test, ogni piatto aveva doppi calibratori per produrre curva standard e due materiali di controllo. Un totale di 197 campioni sono stati misurati. Le identità di tutte le fonti di campioni erano ciechi al personale di laboratorio. Coefficienti di variazione per i calibratori, elevato controllo e basso di controllo sono stati 2,77%, 6,28% e 12,97%, rispettivamente,
. Analisi statistiche
Tutte le analisi statistiche sono state effettuate con il software statisitical SPSS16.0. I valori di P sono stati ricavati da test su 2 lati, e quelli inferiori a 0,05 sono stati considerati statisticamente significativi. Analisi della varianza ad una via è stato utilizzato per analizzare il rapporto tra il livello D 25-idrossivitamina siero e caratteristiche clinicopatologiche. metodo di Kaplan-Meier è stato utilizzato per tracciare la curva di sopravvivenza con test log-rank per l'analisi univariata che includeva sesso, età, stadio T, fase N, fase M, dimensioni del tumore, localizzazione del tumore, il tipo Borrmann, diffirentiation tumore, la chemioterapia, la durata dei sintomi ( dal momento in cui il paziente si sentiva discomfortable alla diagnosi), stagione, BMI (indice di massa corporea), fumare e bere. I univariables tendevano ad essere associati con la sopravvivenza (P
& lt; 0,05) sono stati scelti per essere analizzati dal rischio proporzionale di Cox modello nell'analisi multivariata
Risultati
Il livello di vitamina D media di 197 pazienti affetti da cancro gastrico. era 49.85 ± 23.68 nmol /L, che vanno 7,26-260,47 nmol /L. Nessuno dei risultati erano nella gamma di ebbrezza (≥374 nmol /L) [22]. Secondo altre ricerche [23-25], i livelli di vitamina D sono stati divisi in tre gruppi: & lt; 50 nmol /L come carente, 50-75 nmol /L come insufficiente, & gt; 75 nmol /L come sufficiente. Così il livello medio dei soggetti del National Health and Nutrition Examination Survey è caduto in gruppo insufficiente [26]. I risultati di questo studio sono stati i seguenti: carente in 114 pazienti (57,9%), insufficiente in 67 pazienti (34%), e sufficiente in 16 pazienti (8,1%)
Il rapporto tra il livello D 25-idrossivitamina siero. e le caratteristiche clinicopatologici è stato mostrato nella Tabella 1. non c'erano 134 maschi e 63 femmine in questo studio, e la media livelli di vitamina D sono stati 50.73 ± 18.72 nmol /L nei maschi, mentre 47.96 ± 31.88 nmol /L nelle donne, che non ha mostrato alcuna differenza significativa . Si suggerisce una tendenza significativa (P = 0,073
) che i pazienti di età superiore a 60 anni avevano più alti livelli di vitamina D. livelli di vitamina D avevano un rapporto significativo con la stagione di prelievo di sangue (P
= 0,002), quando l'estate ha avuto i più alti livelli e l'inverno i livelli più bassi. stadio clinico (P
= 0.004) e la classificazione metastasi linfonodali (P
= 0.009) erano significativamente associati con i livelli di vitamina D. Nel frattempo, T classificazione (P = 0,071
) e metastasi a distanza (P = 0,062
) tendevano ad essere irrilevante associati con i livelli di vitamina D. Tuttavia, non vi era alcuna correlazione significativa tra i livelli di vitamina D e le dimensioni del tumore, la posizione del tumore, differenziazione patologico, tipo Borrmann, durata dei sintomi, BMI, fumare o drinking.Table 1 correlazione tra le caratteristiche clinico-patologiche del paziente e livelli di vitamina D
variabile
No. (%)
vitamina D (nmol /l) media ± DS
P-valore

genere
0.445
Maschio
134 (68,0)
50.73 ± 18,72
femminili
63 (32,0)
47.96 ± 31.88
Età (anni)
0,073
& lt; 60
101 (51,3)
46.90 ± 18.24
≥60
96 (48,7)
52.94 ± 28.07
Le dimensioni del tumore (cm)
0,143
& lt; 5.0
102 (53,4)
48.12 ± 16.21
≥5.0
89 (46,6)
53.13 ± 29.74
posizione Tumore
0.462
Cardia /fondo gastrico
59 (29,9)
49.36 ± 16.11
corpo gastrico
50 (25,4)
46.76 ± 17.52
gastrici antro /piloro
88 (44,7)
51.93 ± 30.13
differenziazione
0,957
Bene /moderata
30 (15.2)
49.63 ± 13.43
Poor
167 (84,8)
49.89 ± 25.11
Borrmann tipo
0.847
I /II
73 (37,1)
50.27 ± 16.04
III /IV
124 (62,9)
49.60 ± 27.25
stadio clinico
0.004
I /II
75 (38,1)
56.05 ± 29.94
III /IV
122 (61,9)
46.03 ± 17.93
T classificazione
0,071
T1
17 (8.7)
47.53 ± 10.01
T2
23 (11,8)
56.25 ± 20.07
T3
112 (57,4)
52.07 ± 27.67
T4
43 (22,1)
42.43 ± 15.29
N classificazione
0.009
N0 /N1
76 (40,0)
55.98 ± 29.26
N2 /N3
114 (60,0)
46.81 ± 18.63
Distant metastasi
0,062
positivo
29 (14,7)
51.15 ± 24.32
negativo
168 (85,3)
42.28 ± 18.16
durata dei sintomi (mese)
0,494
& lt; 4
96 (49,2)
48.82 ± 19.62
≥4
99 (50,8)
51.16 ± 27.19
Stagione di prelievo di sangue
0.002
primavera (aprile-giugno)
36 (18,3)
49.06 ± 34.49
Estate (Jul- settembre)
52 (26,4)
58.68 ± 19.78
autunno (ottobre-dicembre)
53 (26,9)
48.86 ± 15.55
invernale (gennaio-marzo)
56 (28,4)
39.52 ± 14.68
BMI (kg /m2)
0,458
& lt; 25,0
158 (81,0)
50.61 ± 25.12
≥25.0
37 (19,0)
47.39 ± 16.58
fumare quotidianamente
0,818
Si
73 (37,4)
50.51 ± 20.78
No
122 (62,6)
49.70 ± 25.42
potabile al giorno
0,328
Si
24 (12.3)
45.56 ± 14.18
No
171 (87,7)
50,01 ± 23,74
Tra i 197 pazienti affetti da cancro gastrico, 106 (53,8%) sono deceduti durante il follow-up di più di 5 anni, i quali sono morti di recidiva del tumore o di progresso. analisi di sopravvivenza di Kaplan-Meier con le statistiche log-rank è stata utilizzata per determinare l'associazione tra i livelli di vitamina D e la sopravvivenza globale. L'analisi univariata ha mostrato che il gruppo di alti livelli di vitamina D (≥ 50 nmol /L) era associata ad un miglioramento della sopravvivenza globale a 5 anni rispetto al gruppo di livelli bassi di vitamina D (& lt; 50 nmol /L). Secondo il log-rank test (P = 0,018
), c'è stata una differenza significativa nella sopravvivenza globale tra i due gruppi (Figura 1). Il tasso di sopravvivenza a 5 anni è stata del 57,8% in alta vitamina D gruppo livelli e il 43% nel gruppo D livelli bassi di vitamina. Il tempo di sopravvivenza medio è stato di 67,3 mesi e 54,0 mesi rispettivamente nel gruppo ad alto e basso di vitamina D. Figura 1 Confronto tra i tassi di sopravvivenza nei pazienti con livelli di D alti e bassi di vitamina utilizzando curve di Kaplan-Meier con l'analisi univariata.
Analisi di Kaplan-Meier e il log-rank test sono stati utilizzati anche per valutare l'effetto delle caratteristiche clinico-patologici (tabella 2 ), tra cui sesso, età, classificazione T, la classificazione N, metastasi a distanza, le dimensioni del tumore, la posizione del tumore, tipo Borrmann, diffirentiation tumore, terapia chimica, la durata dall'inizio dei sintomi alla diagnosi, la stagione, il BMI (indice di massa corporea), il fumo e bere. I risultati di analisi univariata ha mostrato dimensioni del tumore (P
& lt; 0,001), la posizione del tumore (P = 0,011
), Borrmann tipo (P = 0,001
), la classificazione T (P
& lt; 0,001) , N classificazione (P
& lt; 0,001), metastasi a distanza (P
& lt; 0,001) e la durata dei sintomi (p = 0,001
) erano significativamente correlata con la sopravvivenza. Gli altri fattori non hanno avuto relazione significativa con la sopravvivenza. La modalità rischi proporzionali Cox è stato utilizzato per testare gli effetti indipendenti di tutti i fattori significativi di cui sopra. In questo multivariata analisi esplorative, i livelli di vitamina D (P = 0,019
), dimensioni del tumore (P = 0.026
), posizione del tumore (P
& lt; 0,001), la classificazione T (P = 0,001
), N classificazione (P
= 0.003) e metastasi a distanza (P
& lt; 0,001) sono stati riconosciuti come fattori prognostici indipendenti, mentre il tipo Borrmann (P = 0,135
) e la durata dei sintomi (P
= 0,067) non erano predittori indipendenti. Pertanto, i nostri risultati indicano che il livello di vitamina D ha una correlazione significativa con la prognosi di cancer.Table gastrica 2 univariata e analisi multivariata di diverse variabili prognostici per la sopravvivenza totale nei pazienti affetti da cancro gastrico mediante l'analisi di regressione di Cox

L'analisi univariata
L'analisi multivariata
Numero
pazienti P-value
coefficiente di regressione ( SE)
Gli hazard ratio (95% di confidenza interna)
P
-value
vitamina D Situazione
0.018
-0,536 (0,228)
0.585 (0,374-0,914)
0,019
& lt; 50 nmol /L
114
≥ 50 nmol /L
83
Le dimensioni del tumore
& lt; 0.001
0.523 (0.235) 1.687
(1,064-2,673)
0,026
& lt; 5 cm
102
≥ 5 cm
posizione 89
Tumore
0.011
-0,540 (0,148)
0,583 (0,436-0,779)
& lt; 0,001
Cardia /fondo gastrico
59
50
gastrico antro gastrico corpo
tipo /piloro
88
Borrmann
0.001
-0,392 (0,262)
0.676 (0,404-1,129)
0.135
I /II
73
III /IV
124
classificazione T Hotel & lt; 0,001
1.891 (0.567)
6,623 (2,181-20,115)
0.001
T1 /T2
41
T3 /T4
154
N classificazione
& lt; 0,001
0,859 (0.292)
2.362 (1,333-4,186)
0,003
N0 /N1
76
N2 /N3
114 metastasi a distanza

& lt; 0,001
2.374 (0.352)
10,739 (5,383-21,424)
& lt; 0,001
positivo
29
negativo
168
durata Sintomo
0.001
-0,435 (0,238)
0,647 (0,406-1,031)
0,067
& lt; 4 mesi
96
≥ 4 mesi
99
Discussione
Nel nostro studio, abbiamo prima analizzato lo stato della vitamina D nei pazienti affetti da cancro gastrico, e ha scoperto che solo 8,1% dei pazienti ha raggiunto la sufficiente livello mentre fino al 57,9% dei pazienti erano nel livello carente. E 'stato riportato che i livelli di vitamina D di pazienti con cancro mammario erano sufficienti nel 24% dei pazienti e carenti di 37,5% [27], i cui risultati sono stati nel complesso migliore di quella del cancro gastrico. 25-idrossivitamina D è stato rilevato nelle asiatici sani e la media era 59.50 ± 25.25 nmol /L [28], che era superiore al risultato 49.85 ± 23.68 nmol /L nel nostro studio.
Poi abbiamo combinato la vitamina D livello con i dati clinico-patologici, che hanno mostrato che le concentrazioni di 25-idrossivitamina D nel siero sono stati inversamente associati con stadio clinico e metastasi linfonodali. Questo risultato è simile ai risultati di alcuni studi clinici, in cui le concentrazioni sieriche di 25-idrossivitamina D sono stati inversamente associati con la fase di cancro al seno, per esempio [29, 30]. Si è constatato che circolano concentrazioni di 25-idrossivitamina D erano inversamente associati con BMI, come i pazienti con indice di massa corporea superiore a 30 kg /m 2 avevano livelli inferiori di vitamina D [23, 27]. Tuttavia, non abbiamo fatto arrivare a questo risultato, perché in BMI nostro studio 'I pazienti sono stati raramente superiore a 30 kg /m 2, così abbiamo regolato il punto di taglio a 25 kg /m 2. Si poteva aspettare che i livelli di vitamina D dei campioni di sangue prelevati in estate è stata la più alta, come l'estate offre un adeguato sole, il fattore determinante dello stato della vitamina D negli esseri umani.
Infine, bassi livelli di vitamina D erano significativamente associati con scarsa sopravvivenza in analisi univariata. I livelli di vitamina D sono stati dimostrati essere un fattore prognostico indipendente di cancro gastrico da parte del rischio proporzionale di Cox modello nell'analisi multivariata. Nei pazienti con cancro al seno [27], il cancro del colon [31] o carcinoma polmonare non a piccole cellule in stadio precoce [32], altri studi hanno anche raggiunto la stessa conclusione che l'aumento di 25 OHD livelli sono stati associati con una migliore prognosi. Abbiamo anche trovato che la posizione del tumore era un importante fattore prognostico, come è stato spiegato dalla misura di funzionamento che è stato richiesto. I pazienti sottoposti a gastrectomia subtotale avevano una sopravvivenza globale mediana significativamente più lunga rispetto a quelli che ha subito una gastrectomia totale [33].
Recenti scoperte da dell'Intergruppo Trial N9741 ha rivelato che i pazienti affetti da cancro del colon-retto in stadio IV assegnati in modo casuale a FOLFOX hanno migliorato la sopravvivenza con elevati livelli basali di 25-idrossivitamina D [25]. Bassi tassi di sopravvivenza al cancro tra i pazienti di razza nera possono essere dovuti a bassa sierici di 25-idrossivitamina D, la cui produzione da UVB irradianza è inferiore a causa della pelle scura [34]. Produzione di vitamine D nella pelle sembra diminuire il rischio di diversi tumori solidi (in particolare dello stomaco, del colon-retto, del fegato e della cistifellea, pancreas, polmone, seno femminile, della prostata, della vescica e reni cancro) [35].
Anche se il biologico esplicito meccanismi non sono chiari, alcuni dati fornisce una spiegazione potenziale per i nostri risultati. VD3 potrebbe indurre la differenziazione e l'arresto del ciclo cellulare in un certo numero di cellule maligne, compresi quelli nella leucemia mieloide, e della mammella, della prostata, del colon, della pelle e cancro al cervello [4, 5, 36, 37]. E 'stato riportato che VD3 (la forma attiva della vitamina D) promosso significativamente apoptosi nella linea di cellule di cancro gastrico indifferenziata HGC-27 [8]. La vitamina D può prevenire i tumori gastrici di progredire modulando microambiente extracellulare, come vitamina D ha dimostrato di alterare l'espressione di geni multipli nel rimodellamento della matrice extracellulare [38, 39]. VD3 può inibire la segnalazione Wnt interrompendo il crosstalk tra le cellule epiteliali tumorali e il suo microambiente [40]. Elementi funzionali recettore della vitamina D (VDR) sono stati identificati nel promotore di PTEN, suggerendo che la vitamina D può avere un ruolo nella regolazione dell'espressione PTEN [7]. In indifferenziata cellule tumorali del colon CYP24A1 (un enzima chiave nel metabolismo della vitamina D) espressione è stata aumentata rispetto alle cellule normali [41], in modo che potenzialmente ha impedito la sintesi di 1,25-diidrossivitamina D 3 e limitato i suoi effetti protettivi del cancro. Cosa c'è di più, la vitamina D potrebbe anche regolare il fenotipo delle cellule del cancro al seno umano [42].
È stato suggerito che la gastrectomia moderatamente influenzato il metabolismo della vitamina D, e il livello di vitamina D nei pazienti era significativamente più bassa a 1 anno o più dopo l'intervento che in meno di 1 anno dopo l'intervento, in particolare in quelli che avevano ricevuto gastrectomia totale [43]. Dal punto di vista di un gastroenterologo, la supplementazione di vitamina D è raccomandato per le persone con disturbi di malassorbimento e colestasi [44]. Alte dosi (1.100 UI) di vitamina D più calcio hanno dimostrato di ridurre in modo significativo l'incidenza del cancro nelle donne [45]. Da tutte le prove di cui sopra, forse è ragionevole per i pazienti con deficit di vitamina D per avere adeguata integrazione, tuttavia, gli studi clinici che utilizzano alte dosi di vitamina D sono necessari per determinare se la vitamina D migliora davvero la sopravvivenza.
Una limitazione del nostro studio è che i livelli di vitamina D sono stati misurati solo una volta alla diagnosi, che non possono assolutamente rappresentare i livelli di vitamina D durante la generazione cancro o la progressione. In un altro studio misurare le concentrazioni sieriche di 25-idrossivitamina D, in pazienti con cancro al seno il suo coefficiente di correlazione nel 1994 e nel 2008 variava 0,42-0,52, misurata a 12 mesi, rispettivamente, era 0,80 [42], che ha suggerito la stabilità dello stato endogena di vitamina D . I campioni di sangue del nostro studio sono stati raccolti una volta dopo la diagnosi, prima di qualsiasi terapia medica o di un intervento chirurgico, in modo da routine di cambiamento di comportamento di vita era improbabile che possa influenzare lo stato della vitamina D
. Conclusioni
In conclusione, il nostro studio fornisce la prova che la vitamina D nel siero livello è un significativo fattore prognostico indipendente nei pazienti affetti da cancro gastrico, e la carenza di vitamina D può essere associata a prognosi infausta. Descriviamo anche la correlazione tra il livello di vitamina D e le caratteristiche clinico-patologici. Tutti i risultati richiedono scala studi prospettici più grandi per confermare. Inoltre, il meccanismo dei potenziali effetti benefici della vitamina D nel cancro gastrico bisogno di ulteriori studi. Considerando tutte le prove esistenti e il fatto che carenti di vitamina D può essere facilmente corretto prendendo integratore o aumentando l'esposizione al sole, così, si cautela consiglia ai medici di valutare lo stato della vitamina D dei pazienti con cancro gastrico, e quindi prendere in considerazione adeguata supplementazione di vitamina D per pazienti con deficit
. Dichiarazioni
Ringraziamenti
Questo lavoro è stato finanziato dalla National Science Foundation naturale della Cina borsa di 30.672.408, Guangzhou Ufficio della Scienza e della Tecnologia concedono 2006Z3-E0041 e Sun Yat-sen University 985 Fondo Initiation Programma (Cina ). Abbiamo gratitudine Ringraziamo i membri del personale del Dipartimento di Oncologia Medica, Chirurgia GI Oncologia e Bank of risorsa tumore del Sun Yat-sen University Cancer Center per il loro suggerimento e di assistenza. Fascicoli presentati originali
d'autore per le immagini
Qui di seguito sono i link ai originali degli autori presentati file per le immagini. file originale 12967_2011_991_MOESM1_ESM.jpeg degli autori per la figura 1 in competizione interessi
Non abbiamo trovato rapporti finanziari o personali con altre persone o organizzazioni che avrebbero pregiudizi il nostro lavoro. Non ci sono benefici in qualsiasi forma sono stati ricevuti o saranno ricevuti da una festa commerciale correlata direttamente o indirettamente al tema del nostro articolo.